BUSINESS & FLOTTE

Autovetture, autocarri e pick-up

Il trattamento fiscale previsto per l’acquisto e l’utilizzo delle “aziendali” varia in base alla loro tipologia. Il Codice della Strada indica all’articolo 46 del Titolo III che cosa si intende per veicoli (“tutte le macchine di qualsiasi specie, che circolano sulle strade guidate dall’uomo”) e all’articolo 54 li classifica (vale la pena ricordare che devono essere a motore e con almeno quattro ruote). In base alla destinazione d’uso, i commi a, c e d danno le definizioni di autovetture e autocarri, i mezzi di maggiore interesse per le attività di business. Le autovetture sono “veicoli destinati al trasporto di persone” (ma, dal 1999, anche di cose, a seguito dell’eliminazione della categoria promiscuo); gli autocarri sono “destinati al trasporto di cose e delle persone addette all’uso o al trasporto delle cose stesse”. Si noti che a scelta dell’acquirente lo stesso modello può in molti casi essere immatricolato come autocarro o autovettura, sempre che la casa automobilistica abbia provveduto alle relative omologazioni (come avviene soprattutto per le multispazio, le station wagon o i pick-up). 

 

IN SINTESI

  • Il regime fiscale varia a seconda del tipo di veicolo
  • Per aziende e professionisti, nella maggior parte dei casi il veicolo per uso professionalidi è un'autovettura o un autocarro
  • I veicoli per uso professionali (soprattutto multispazio, station wagon, pick-up) possono ricevere un'immatricolazione diversa a seconda della destinazione d'uso

 

  • ecoincentivi mezzogiorno piattaforma sara online
    Politica e trasporti

    Ecoincentivi: è online la piattaforma

    Si tratta della prima fase, dedicata alla registrazione dei concessionari, che in seguito potranno chiedere i contributi. Gli automobilisti non devono fare nulla.