BUSINESS & FLOTTE

Presa, utilizzo e rilascio

Una volta ricevuta la tessera, di solito da usare come “chiave” d’accesso alle vetture, si è pronti a utilizzare il servizio e a “prendere” una delle auto disponibili. Gran parte degli operatori permettono la prenotazione del veicolo (con o senza sovrapprezzo): fondamentale, perché chi utilizza l’auto per lavoro non può permettersi di rimanere a piedi per indisponibilità del mezzo. Di solito il booking può essere fatto sia via internet, sia al telefono sia, in alcuni casi, con le app per gli smartphone. Si comincia a pagare nel momento in cui si sbloccano le portiere e si accede all’abitacolo. Le chiavi di solito vengono lasciate nel cruscotto, e a bordo si troverà un pulsante per mettersi in comunicazione telefonica con la centrale del car sharing: si può utilizzarlo sia per emergenze, sia per informazioni sia per segnalazioni relative allo stato dell’auto. Se questa è sporca, incidentata o danneggiata, va detto subito, per evitare vedersi imputate le spese di ripristino. Può essere vietato il trasporto di animali o fumare a bordo. Se l’operatore scelto ha base in città, di solito la vettura può avere accesso libero alle zone a traffico limitato, oppure i posteggi a pagamento possono essere gratuiti. Sono variabili da controllare, come pure la possibilità di accesso alle corsie riservate ai mezzi pubblici e alle ztl (nella stessa città alcune società di car sharing possono avere facilitazioni negate ad altre). Finito l’utilizzo si posteggia l’auto: nello stallo da cui è stata prelevata, in un posteggio riservato o in uno libero a seconda di quanto previsto dal servizio. Si passa quindi la tessera associativa sul lettore e le portiere si chiudono. Solo da quel momento si finisce di pagare e non si è più responsabili della vettura. 

 

IN SINTESI

  • Fondamentale prenotazione veicolo
  • Attenzione alle modalità di prelievo
  • Avvisare di inconvenienti alla vettura prima di usarla
  • Spesso, ZTL libere e posteggi gratuiti
  • Attenzione alle modalità di rilascio
  • Attenzione a quando inizia e finisce il pagamento

 

 

  • ecoincentivi mezzogiorno piattaforma sara online
    Politica e trasporti

    Ecoincentivi: è online la piattaforma

    Si tratta della prima fase, dedicata alla registrazione dei concessionari, che in seguito potranno chiedere i contributi. Gli automobilisti non devono fare nulla.