BUSINESS & FLOTTE

NEWS

Aumento delle tasse sulle auto aziendali: impatto recessivo

Pubblicato 15 novembre 2019

L’Aniasa stima che le entrate dovute alla nuova tassa saranno inferiori ai mancati incassi per il calo di vendite.

Aumento delle tasse sulle auto aziendali: impatto recessivo

STANGATA RECESSIVA - Ormai sembra certo che nella Legge di bilancio per il 2020 ci sarà una stangata per le auto aziendali, con aumento della tassazione in base alle emissioni di CO2 (qui la news). Tre le fasce ipotizzate, quella delle auto con tassazione al 30% (che è quella attuale), quella al 60% e quella al 100%. Sul tema è intervenuta l’Aniasa, l’Associazione che in Confindustria rappresenta il settore del noleggio veicoli, che conferma il forte impatto recessivo del provvedimento sul comparto automobilistico. Dal 2020 determinerà minori entrate per l’Erario e gli Enti Locali per oltre 700 milioni di euro, calcolata come differenza tra le minori entrate previste per le mancate vendite, oltre 1 miliardo di euro, e il gettito ipotizzato dal ministero dell'Economia, 300 milioni.

VALGONO IL 40% - Infatti, secondo l’Aniasa, le aziende saranno indotte a prorogare i contratti in essere, rinunciando a nuove immatricolazioni (si prevedono 300.000 immatricolazioni in meno), tipologia di scelta che impatterà negativamente sia dal punto di vista economico, che ambientale (nel solo noleggio tutti veicoli sono Euro 6). Le auto aziendali, che valgono oggi il 40% delle nuove immatricolazioni, attualmente hanno un ciclo di vita di 4 anni che, in virtù dell’impatto di questa misura, si allungherà di almeno un anno. La nuova norma potrebbe poi spingere i dipendenti a valutare il ritorno alla vettura di proprietà. 

ALTRE STRADE - Secondo l’Aniasa, se l’obiettivo del Governo è fare cassa con l’auto aziendale, è necessario ripristinare il superammortamento per le auto ad uso strumentale; una misura che in passato ha restituito per ogni euro di super-ammortamento concesso tre euro di entrate per lo Stato e gli enti locali.



Aggiungi un commento
Ritratto di Pavogear
15 novembre 2019 - 13:06
Ma che sorpresa accipicchia, proprio non me l'aspettavo! Beh comunque ormai è da anni che siamo uno degli stati più stupidi al mondo per quanto riguarda le tasse sui veicoli. Ma soprattutto quello che mi fa più ridere è che la tassa è calcolata in base alla emissioni di CO2 e che alle aziende diventerà più conveniente tenere veicoli vecchi e più inquinanti anziché cambiarli. Sinceramente sono contento, anzi potrei quasi dire che godo, per il calo di entrare che arriveranno allo stato. Mi dispiace solamente per le aziende e per il mercato automobilistico, che inevitabilmente subiranno questo colpo (meno auto vendute impatteranno negativamente sui concessionari e sulle case automobilistiche, mentre auto più vecchie richiederanno più manutenzione da parte delle aziende). Ma per quanto riguarda questo schifoso sistema di tassazione ladro fino al midollo proprio sono proprio contento
Ritratto di Santhiago
16 novembre 2019 - 17:47
Se sei cittadino italiano, ci rimetti anche tu Pavogear.. Non capisco la tua gioia..
Ritratto di Pavogear
16 novembre 2019 - 18:29
Considerando che siamo uno stato con una pressione fiscale assurda in rapporto ai servizi offerti, dubito che qualche milione in meno di entrate nelle casse dello stato possano cambiare le cose. La gioia ce l'ho nel vedere che, per l'ennesima volta, fanno la furbata di aumentare le tasse e ottengono una diminuzione delle entrate. Ovviamente ho sempre la speranza che quelle menti illuminate che pensano queste cose possano capire che non è questo il modo giusto di far cambiare le cose. Per quanto riguarda invece le aziende e le varie concessionarie e case automobilistiche invece ho già detto che non sono affatto felice, ma che anzi mi dispiace molto che ci rimettano queste parti
Ritratto di FOXBLACK
15 novembre 2019 - 13:15
Solo i governanti oramai non capiscono che aumentando la tassazione non corrisponde il guadagno previsto. ..
Ritratto di Antonio D.
15 novembre 2019 - 13:57
1
Quindi le tasse complessive caleranno.. ottima notizia.
Ritratto di otttoz
15 novembre 2019 - 14:01
basta tasse! in galera gli evasori!
Ritratto di rrpp33
16 novembre 2019 - 17:55
Con meno imposizione fiscale (e contributiva) una minore evasione fiscale e´ matematica. Vale anche il contrario. Elementare Watson! R.P. Ffm. :-/
Ritratto di Mbutu
15 novembre 2019 - 15:59
...Oppure basterebbe comprare auto meno inquinanti ...
Ritratto di Roomy79
15 novembre 2019 - 19:31
1
E già se devo fare tutti i giorni Torino-Bologna o Torino- Verona un bel tombino ibrido o elettrico è la soluzione ideale. Se parliamo di tasse sui privati possiamo discutere, qui si parla di mezzi aziendali, io uso l’auto aziendale da lun a ven, se mi dessero un elettrica o mi licenzio o uso la mia...per non parlare di chi utilizza mezzi commeciali, artigiani, corrieri, cosa fanno le consegne con la renault zoe?
Ritratto di Mbutu
15 novembre 2019 - 19:47
Roomy, cosa c'entrano artigiani e corrieri? Qui si parla delle auto aziendali concesse ai dipendenti (esclusi gli agenti, quindi vorrei sapere quanti si sparano tutti i giorni 300 km di autostrada). Se invece vuoi licenziarti perchè il "tombino ibrido" lede la tua autostima sei libero di farlo.
Pagine