BUSINESS & FLOTTE

NEWS

Auto, per le aziende acquisti d’auto più “leggeri”

30 novembre 2015

La legge di Stabilità 2016 prevede maxi ammortamenti per l’acquisto di veicoli nuov. Ma esclude le vetture in noleggio.

Auto, per le aziende acquisti d’auto più “leggeri”
SUPERATO IL PRIMO SCOGLIO - Il Governo prepara un aiuto alle aziende per il rinnovo dei parchi auto. La legge di Stabilità 2016, che ha già superato il vaglio del Senato, introduce novità fiscali per incentivare società, professionisti e partite Iva ad acquistare veicoli nuovi: per i quali, in generale, è previsto un aumento del 40% per gli ammortamenti, da calcolarsi per ciascun esercizio. In sostanza, rispetto alle norme attualmente in vigore, si potrà scaricare il 40% in più dei costi d’acquisto, il che significa, per le auto comprate come bene strumentale dell’attività, la possibilità di dedurre in cinque anni sino al 140% del prezzo del mezzo.
 
EFFETTO RETROATTIVO - Le nuove disposizioni, che dopo la proposta iniziale sono state modificate in Senato e approvate all’interno di un maxiemendamento, dovrebbero essere confermate in toto dalla Camera. Per evitare che, in seguito all’annuncio del provvedimento da parte del Governo, si manifesti un “effetto attesa” capace di indurre le aziende a sospendere gli ordini fino all’approvazione definitiva delle novità, la legge prevede sin dalla sua prima scrittura un effetto retroattivo: il “bonus” riguarda tutte le vetture nuove acquisite dal 15 ottobre 2015 al 31 dicembre 2016. Ma non prevede contributi di sorta per le macchine in noleggio a lungo termine.
 
BONUS VARIABILE - Le agevolazioni “extra” variano a seconda dell’utilizzo dei veicoli, in concordanza con il sistema fiscale in vigore. Il bonus massimo sarà quello ottenibile per i mezzi per uso strumentale all’attività, per i quali si arriverà a un ammortamento superiore del 40% rispetto al costo sostenuto. Per gli agenti e i rappresentanti, il “plus” effettivo sarà del 32% rispetto al trattamento attuale, con un vantaggio aggiuntivo che potrà arrivare a 8.263 euro. Per gli esercenti le arti e le professioni il miglioramento sarà solo dell’8%, per una cifra incrementata sino a 1.446 euro. Stessi valori per le auto aziendali non assegnate; per quelle assegnate, invece, il beneficio sarà del 28%.
Aggiungi un commento
Ritratto di Pagliantiforever
1 dicembre 2015 - 16:29
E vai!!!!!