BUSINESS & FLOTTE

NEWS

Il sito web dell'Arval si rinnova

29 ottobre 2015

Per chi cerca un'auto con la formula del noleggio a lungo termine, la navigazione risulta più immediata ed i menù danno subito accesso alla sezione di riferimento.

Il sito web dell'Arval si rinnova
PIÙ IMMEDIATO - La Arval, società leader nei servizi di noleggio a lungo termine delle auto facente parte del gruppo BNP Paribas, rinnova il proprio sito web ufficiale e migliora così la fruizione dei contenuti disponibili. Ne beneficeranno tutte le persone alla ricerca di una vettura o chi deve gestire flotte aziendali. Resta invariato il dominio (www.arval.it), ma cambia l’impostazione di fondo delle pagine: la navigazione fra i diversi menù risulta più semplice ed intuitiva, le informazioni sono lì dove gli internauti si aspettano di trovarle e la funzionalità resta ottimale da qualsiasi dispositivo vi si acceda, che questo sia un normale pc, uno smartphone oppure un tablet.
 
QUATTRO PERCORSI - Le novità sono visibili già dalla schermata principale. Da qui è possibile accedere ad un menù a tendina, dove il cliente troverà la sezione di riferimento: vi sono percorsi dedicati a chi interessa un veicolo o un veicolo commerciale, a chi ricerca soluzioni per le flotte ed ai clienti in cerca assistenza. Il nuovo sito arval.it mette poi a disposizione una serie di infografiche e risponde così alle domande più frequenti, che di solito riguardano il canone d’affitto mensile oppure il futuro dell’auto a contratto scaduto. Dalla sezione Smart Experience è possibile visualizzare gli strumenti a cui la propria categoria ha diritto, come ad esempio l’applicazione per i responsabili di una flotta: il software è sviluppato per visualizzare da remoto i principali indicatori delle vetture a disposizione.
Aggiungi un commento
Ritratto di Flavio Pancione
29 ottobre 2015 - 11:43
7
Non male, da poco sono "cliente".. Vedremo..
Ritratto di Sepp0
29 ottobre 2015 - 13:44
Io vorrei tanto esserlo, purtroppo senza PIVA nun sepoffà. Credo che la cosa sia ampiamente voluta, altrimenti per percorrenze intorno ai 10k annui nessuno comprerebbe più una macchina.
Ritratto di Flavio Pancione
29 ottobre 2015 - 14:04
7
Non vorrei sbagliarmi o fare cattiva informazione ma forse l'ALD può farlo..
Ritratto di zero
30 ottobre 2015 - 00:16
11
No, Flavio: non sbagli. E vi sono anche altri operatori, oltre l'ALD, che erogano questo servizio... Ora non ricordo più bene quali, perché è passato un po' di tempo da quando me ne sono interessato, ma cercando in rete sicuramente saltano fuori.
Ritratto di zero
30 ottobre 2015 - 00:25
11
Comunque, col NLT bisogna stare molto attenti non tanto per il noleggio in sé (a patto, ovviamente, di valutare sempre per bene le clausole del contratto standard che si fa a sottoscrivere...), quanto nell'ipotesi in cui - dopo vari anni di NLT - si decida di tornare ad avere l'auto di proprietà... Perché, decorsi i cinque anni di validità dell'attestato di rischio RCA (oggi virtuale), assicurare di nuovo una propria auto comporta automaticamente la necessità di dover partire dalla classe di merito 14, con conseguente salasso. Ciò, naturalmente, fatti sempre salvi i casi in cui ci si possa avvalere delle agevolazioni del cosiddetto decreto Bersani... Agevolazioni che, però, vengono ormai puntualmente aggirate dalle compagnie assicurative, perché - per esempio - una "terza classe Bersani" paga comunque molto di più di una terza classe effettivamente maturata. Per cui... Occhio: prima di passare al NLT, si valuti bene anche quello che potremmo voler fare in futuro.
Ritratto di AlexTurbo90
30 ottobre 2015 - 01:25
Però non ho capito una cosa: come funzionerebbe (per quanto riguarda l' RCA) il discorso delle classe di merito se una persona volesse fare un NLT di un auto ma, contemporaneamente, possederne una di proprietà (magari da usare solo ed esclusivamente per il week-end)?
Ritratto di zero
30 ottobre 2015 - 09:12
11
No, beh... In quel caso, il problema non si pone: i contratti di noleggio - normalmente - comprendono anche una copertura per responsabilità civile relativa all'auto noleggiata che è slegata dal classico meccanismo del bonus/malus, mentre per l'altra auto (quella di proprietà) si continua a stipulare una polizza RCA come sempre: se già si ha un attestato di rischio in corso di validità, si continuerà (per l'auto di proprietà) a restare nella propria classe di merito, la quale potrà continuare ad essere usata pure per eventuali nuove auto di proprietà acquistate successivamente in sostituzione di quella vecchia.
Ritratto di AlexTurbo90
30 ottobre 2015 - 23:25
@ Zero Grazie per l' informazione! Ora mi è tutto più chiaro :)
Ritratto di Flavio Pancione
30 ottobre 2015 - 00:46
7
Può essere vantaggioso il noleggio a lungo termine per diversi casi. Magari si vuole auto sempre nuove ,si usa poco o tantissimo l'auto e si vuole stare tranquilli con le spese extra. Insomma la trovo una cosa valida
Ritratto di zero
30 ottobre 2015 - 09:00
11
Infatti! È appunto per questo che, negli ultimi anni, il NLT è cresciuto tanto e credo continuerà a crescere.
Pagine