BUSINESS & FLOTTE

NEWS

L’Isuzu D-Max si rinnova

Pubblicato 23 ottobre 2020

La settima generazione del pick-up giapponese debutta con diverse novità per motore, telaio, abitacolo e dotazione off-road.

L’Isuzu D-Max si rinnova

TANTE NOVITÀ - La Isuzu è uno dei costruttori giapponesi più longevi, specializzato nella produzione di veicoli commerciali e motori industriali. In concomitanza dei 60 anni di presenza nel settore dei pick-up, annuncia la settima generazione dell'Isuzu D-Max N60 (è costruito in collaborazione con la General Motors) che si rinnova profondamente rispetto al passato. Le novità infatti includono miglioramenti al telaio, carrozzeria, motore e cambio, sistema multimediale e ausili alla guida. Viene venduto in diverse tipologie e in Italia è proposto con prezzi a partire da 29.402 euro per la variante con cabina singola e cambio manuale.

MOTORE AGGIORNATO - A spingere l’Isuzu D-Max N60 troviamo il noto 1.9 turbodiesel 4 cilindri conforme allo standard Euro 6d, con 164 CV e 360 Nm di coppia, che però presenta degli aggiornamenti: come l’aggiunta dello start&stop, del il sistema EGR a bassa pressione (l’elettrovalvola che permette il ricircolo dei gas combusti) e del catalizzatore SCR per l’abbattimento degli ossidi di azoto.

UN OFF-ROAD VERO - Essendo un mezzo pensato principalmente per un utilizzo lavorativo, l’Isuzu D-Max N60 è dotato della trazione 4x4 (è possibile inserirla anche in fase di marcia) con il controllo elettronico attivo della trazione e funzione autobloccante. Per i passaggi più difficili sono inoltre presenti le ridotte. Per attuare il bloccaggio del differenziale posteriore (che migliora la trazione) è presente un apposito tasto posizionato direttamente in cabina. Capacità off-road che in questa versione migliorano ulteriormente poiché, grazie a una serie di modifiche che hanno coinvolto il sistema di aspirazione, il pick-up ha una capacità di guado di 80 cm (la distanza tra il terreno e il punto di ingresso dell'aria del motore). La modifica del paraurti posteriore ha migliorato anche gli angoli di attacco e uscita.

IL RIMORCHIO NON SBANDA - La capacità di carico dell’Isuzu D-Max N60 è di 3.500 kg ed è disponibile la funzione TSC che, agendo sul sistema frenante, riduce le possibili oscillazioni derivanti da vento laterale quando si trasporta un rimorchio.

LOOK PIÙ MODERNO - L’Isuzu D-Max N60 ha un nuovo look più moderno, grazie a fari anteriori e fanali ridisegnati e una nuova griglia. Sono stati rivisti anche gli interni che possono ora contare su un nuovo sistema multimediale che si può connettere agli smartphone. Inoltre, grazie all’aumentata rigidità torsionale del 20%, ottenuta con acciai ad alta resistenza per la cabina e una traversa aggiuntiva per il telaio, il pick-up dovrebbe risultare più confortevole.

Isuzu D-Max
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
10
6
0
4
9
VOTO MEDIO
3,1
3.13793
29




Aggiungi un commento
Ritratto di Road Runner Superbird
23 ottobre 2020 - 19:17
E' già da qualche mese che ha debuttato in alcuni paesi tipo l'Australia, c'è anche la versione Mazda BT-50 che non arriva da noi. E' uno dei migliori in piazza, ma riguardo powertrain e guidabilità meglio il Ranger. Questo lo batte su dotazione e prezzo.
Ritratto di Flavio8484
23 ottobre 2020 - 20:18
C è stato un breve periodo, in cui "volevamo fa l ammerigani" in cui ne vedevo diversi ma non tantissimo x roma, soprattutto il mitsu l 200, li considero(e credo siano), mezzi da lavoro, probabilmente comodi come un auto normale, non so se abbiano molto mercato
Ritratto di Alfiere
24 ottobre 2020 - 11:19
1
Sono mezzi che coniugano lavoro e uso privato ma qui preferiamo o il mezzo piccolo e furgonato, perchè è piu frequente la citta che la campagna, o il grosso ducato anche a cassone.
Ritratto di Andre_a
23 ottobre 2020 - 22:17
8
Per me, il miglior pickup sulla piazza è il Toyota. Solo che non può essere immatricolato come autovettura, mentre l'Isuzu si, quindi se dovessi comprare un pickup sarebbe molto probabilmente quest ultimo.
Ritratto di Spock66
24 ottobre 2020 - 10:18
Uhmmm..direi per quel che ne so io che non è più valido, questo pickup aveva ottenuto l'omologazione autovettura grazie al fatto che in Spagna era stato omologato cosi, ma in seguito dal modello successivo non gli é più stato consentito..non sono sicuro al 100%, ma mi ricordo che tempo fa mi ero informato e risultava cosi..riguardo al mezzo, direi che il Toyota ha la nomea di mezzo ultra affidabile, ma chi li usa dice di solito che lIsuzu è anche meglio..poi sull'estetica concordo che Hilux nel frontale è più bello..
Ritratto di Andre_a
24 ottobre 2020 - 12:10
8
Ahia! Anche le mie informazioni non sono aggiornatissime, purtroppo potresti avere ragione. In tal caso, a maggior ragione preferisco l’Hilux, soprattutto l’ultima generazione mi da l’idea di un pick-up in stile americano (in senso buono), ovvero non più un mezzo spartano da lavoro, ma un mezzo comodo, prestante anche su strada, efficace in fuoristrada e con una grande capacità di carico e traino. Inoltre, avendo hobby abbastanza “sporchi”, mi è sempre piaciuta l’idea di poter caricare l’attrezzatura sul cassone e mantenere l’abitacolo pulito.
Ritratto di Road Runner Superbird
24 ottobre 2020 - 13:55
Per l'uso unicamente stradale forse meglio L200 e l'Amarok, perchè hanno una trazione integrale awd "automobilistica" con ripartizione della coppia, mentre gli altri hanno un'integrale 50.50, quindi su asfalto ad andature stradali bisogna disinserire il 4x4 e andare solo di trazione posteriore.
Ritratto di Andre_a
24 ottobre 2020 - 15:33
8
Mi sembra che l’Amarok non lo vendano più in Europa, e dalle dichiarazioni di Mitsubishi anche l’l200 se ne andrà presto. Comunque, da quello che ho letto, anche il nuovo Hilux dovrebbe avere la trazione integrale permanente.
Ritratto di Road Runner Superbird
24 ottobre 2020 - 17:27
Ah un vero peccato, è l'unico disponibile con un V6 e con un'impostazione di guida più da SUV che da mezzo da lavoro.
Ritratto di Andre_a
24 ottobre 2020 - 23:20
8
Per qualche motivo (lo ammetto, irrazionale) l'accoppiata VW - pickup non mi ha mai colpito. Quello che dici è vero, ma mi convince di più chi i pickup li fa da sempre, come Toyota, Isuzu o Ford. Comunque, scusa se mi ripeto, ma il nuovo Hilux va proprio in quella direzione, anche il motore sarà solo un 4 cilindri, ma ha più di 200 cv e 500 nm. E mi sembra la strada giusta, in Europa si preferiscono altri tipi di mezzi da lavoro, quindi io punterei a rendere i pickup più appetibili ai privati.
Pagine