BUSINESS & FLOTTE

NEWS

Jojob, il car pooling aziendale

22 aprile 2015

Dieci aziende hanno aderito alla start up torinese per favorire la condivisione dell'auto tra i dipendenti per abbattere CO2 e spese di trasporto.

Jojob, il car pooling aziendale
VALE UNA TREDICESIMA - Hanno scelto il 22 aprile, Giornata mondiale della Terra, per iniziare a condividere l'auto per gli spostamenti casa-lavoro. Sono le ultime dieci società, tra le quali Brembo, General Motors Powertrain e Heineken, che hanno aderito a Jojob, la piattaforma informatica di car pooling aziendale realizzata dalla Bringme, start up torinese nata con il supporto del Politecnico della città della Mole. Un debutto collettivo che porta a circa 12.000 i dipendenti che usufruiscono del servizio che consente di ridurre traffico ed emissioni, nonché un notevole risparmio economico. Secondo i dati forniti da Jojob ognuno dei tre colleghi che percorrono 30 km insieme per recarsi al lavoro taglierebbe in un anno di 7.722 kg di CO2 e 1.782 euro di spesa per il trasporto. 
 
COME FUNZIONA - Jojob si basa su un sito internet e un'applicazione per smartphone Andorid e iOS che, previa registrazione, consente di visualizzare su una mappa la posizione di partenza dei colleghi e dei dipendenti di aziende vicine alla propria. Per ottenere od offrire un passaggio è sufficiente identificare le persone sul proprio percorso, scaricare la V-Card con i contatti da inserire nella rubrica e contattarli per accordarsi per il viaggio. Oltre all'organizzazione, il sistema fornisce diverse altre funzioni, quali la misurazione del tasso di adesione dei dipendenti, la messaggistica interna o il monitoraggio del reale risparmio energetico e della riduzione di CO2 generata dall’uso del servizio. Presente pure un'opzione che consente di attivare promozioni o benefits per incentivare i dipendenti a condividere l'auto. 
 
VANTAGGI PER TUTTI - Oltre ai benefici ambientali ed economici, l'uso di Jojob offre altri vantaggi ad aziende e lavoratori. Le prime possono presentare i risultati del taglio delle emissioni per ottenere le certificazioni ambientali e contare su una riduzione delle assenze causate dagli scioperi dei trasporti e delle aree di sosta intorno alla sede che spesso rappresentano dei costi. I secondi, oltre al forte risparmio sulle spese per recarsi in ufficio, possono accumulare eventuali punti previsti dai benefits e trasformarli in sconti da utilizzare in ristoranti, bar o altri esercizi commerciali convenzionati. 




Aggiungi un commento