Mitsubishi

Mitsubishi
Space Star

da 13.650

Lungh./Largh./Alt.

385/167/151 cm

Numero posti

5

Bagagliaio

235/912 litri

Garanzia (anni/km)

5/100.000

In sintesi

Nonostante le dimensioni contenute, la Mitsubishi Space Star offre una carrozzeria a cinque porte e un’abitabilità degna di utilitarie di una trentina di centimetri più lunghe: a due adulti che viaggiano sul divano non manca l’agio per le gambe e per la testa. Solo sufficiente, però, il bagagliaio da 210 litri (o 912 a divano giù). L'abitacolo non spicca per originalità e le plastiche sono piuttosto economiche, ma i comandi sono a poratt di mano; in particolare, quelli del “clima” e della radio che sono raccolti nella vistosa consolle; utile il doppio portabibite ricavato davanti alla leva del cambio. Agile nel traffico, la Mitsubishi Space Star fa patire l’eccessiva leggerezza dello sterzo (servoassistito elettricamente) e l'aderenza non eccezionale quando la velocità aumenta, ma offre comunque un comportamento prvedibile. Il 1.2 a tre cilindri da 71 CV offre un discreto sprint, ma non nelle marce alte; in compenso, i consumi sono decisamente contenuti. Completano la gamma una versione bi-fuel a Gpl e uan con il cambio automatico a variazione continua di rapporto. Buona la dotazione: già l’allestimento “base” offre di serie più dell’indispensabile.

Versione consigliata

Una Invite Radio se vi serve un'utilitaria "da battaglia", a un prezzo competitivo. O una Instyle SDA se prevedete qualche viaggetto e quindi volete più comfort (sistema multimediale, cruise control) e sicurezza (frenata automatica e avviso di uscita involontaria di corsia).

Perché sì

Equipaggiamento La dotazione di serie è buona.

Maneggevolezza Con un raggio di svolta di appena 4,6 metri e 380 cm di lunghezza, è un'auto adtta a sgusciare nel traffico.

Spazio L’agio per le gambe non manca nemmeno per chi viaggia sul divano: non è lecito pretendere di meglio da una vettura così compatta; sufficiente la capacità del baule.

Visibilità Il posto guida leggermente rialzato e i montanti sottili assicurano una notevole visuale davanti e di lato, e anche quella posteriore è superiore alla media.

Perché no

Motore Il 1.2 a tre cilindri fa del suo meglio, ma se serve sprint occorre insistere con le marce basse (e sopportare una certa rumorosità).

Finiture Pur discretamente assemblate, le plastiche sono rigide e di aspetto economico (in particolare quelle dei pannelli delle porte); non manca qualche vite a vista.

Soglia di carico D’accordo che la Space Star non è una vettura “da trasloco”, ma la soglia del baule si trova a ben 75 cm dal suolo e l’imboccatura è piuttosto stretta. Piccolo, poi, il vano.

Sterzo La servoassistenza elettrica allevia parecchio la fatica nelle manovre, ma non assicura la necessaria precisione ad andatura elevata.

Mitsubishi Space Star
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
2
0
0
1
0
VOTO MEDIO
4,0
4
3