Porsche

Porsche
911 Cabriolet

da 124.779

Lungh./Largh./Alt.

452/185/130 cm

Numero posti

4

Bagagliaio

132 litri

Garanzia (anni/km)

2/illimitati

In sintesi

Anche per l'ottava generazione della Porsche 911, alla versione coupé si affianca la Cabriolet, con tetto apribile in tela e la stessa identica struttura: motore boxer 3.0 biturbo a sbalzo dietro l'asse posteriore, un fulmineo cambio robotizzato a otto marce e due comodi posti anteriori più due "di fortuna" posteriori. Gli interni miscelano elementi moderni (come la microscopica leva del cambio) e altri ispirati a quelle delle prime 911, quali la plancia a sviluppo orizzontale. Al centro di quest'ultima trova posto un grande schermo di 10,25'', che comanda un sistema multimediale ricco (manca solo Android Auto) e connesso al web. La capote della 911 Cabriolet è azionata elettricamente da un sistema idraulico che le permette di aprirsi e chiudersi in 12 secondi, anche in movimento (fino a 50 km/h). Il sistema, con un leggerissimo telaio in lega di magnesio, pesa solo 35 kg e regala al tetto in tela un profilo simile a quello della 911 Coupé. Per migliorare il comfort, dietro ai sedili anteriori è presente un frangivento (che può essere azionato elettricamente fino a 120 km/h): serve ad eliminare le turbolenze che si formano guidando ad alta velocità con la capote ripiegata. Sono presenti anche due roll-bar in alluminio dietro ai sedili posteriori, che fuoriescono (grazie a una piccola carica esplosiva) in caso di ribaltamento dell’auto, proteggendo la testa dei passeggeri. Il coefficiente aerodinamico Cx è di 0,29, in linea con la coupé: così, la 911 Cabriolet “fende” meglio l’aria e ottiene prestazioni (esaltanti) del tutto paragonabili a quelle della versione chiusa. 

Versione consigliata

Già una Carrera ha tutta la grinta che si può desiderare da una cabriolet; i soldi avanzati rispetto all'acquisto di una S possono essere utilizzati per costruirsi l'auto su misura sfruttando le tante possibilità offerte dal listino, in base alle esigenze e ai gusti personali: hi-fi da sala concerto, rivestimenti in pelle in un colore a scelta, inserti interni in fibra di carbonio... a voi la scelta.

Perché sì

Cambio Il robotizzato a doppia frizione è rapidissimo ma non brusco; e in modalità automatica, persino in pista innesta sempre la marcia corretta.
Sterzo Quello che agisce anche sulle ruote posteriori aumenta agilità e stabilità e ha una risposta naturale.
Versatilità Specialmente con gli optional "giusti", la 911 è a suo agio nel traffico come in circuito.

Perché no

Android Auto L'interfaccia ufficiale per i cellulari con sistema operativo Android non è prevista, neppure pagando.
Ricarica wireless Non è stato trovato un modo di integrarla a bordo: nel vano fra i sedili sarebbe stata troppo vicino al cambio, che scalda, e nella plancia non c'è posto.
Visibilità del cruscotto I due monitor ai lati del contagiri richiamano gli strumenti delle 911 d’epoca, ma sono in parte coperti dalla corona del volante.

Porsche 911 Cabriolet
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
34
2
4
3
4
VOTO MEDIO
4,3
4.25532
47

Photogallery