Porsche

Porsche
911 Targa

da 142.696

Lungh./Largh./Alt.

452/185/130 cm

Numero posti

4

Bagagliaio

132/295 litri

Garanzia (anni/km)

2/illimitati

In sintesi

Oltre alla Cabriolet, con capote interamente in tela, la Porsche 911 è disponibile in un'altra versione col tetto apribile: la Targa, in cui l'unica parte che può scomparire (premendo un tasto, nel tempo di 19 secondi e solo a vettura ferma) è quella sopra i sedili anteriori. Composto da due elementi piatti in leggera lega di magnesio rivestiti in tessuto, il tettuccio va a posizionarsi alle spalle dei due strapuntini posteriori. La versione Targa ha accompagnato la lunghissima storia di questa sportiva (la prima versione risale al 1965) e vanta una linea di particolare eleganza: dietro il largo roll-bar grigio satinato (o nero, a richiesta) si estende l'ampio lunotto avvolgente, che si solleva e arretra tramite un complesso meccanismo per consentire l'apertura del tettuccio. Fra le 911, la Targa è la meno sportiva: a parità di meccanica pesa una quarantina di chilogrammi in più della Cabriolet (e una novantina in più della coupé), è proposta solo con la trazione integrale e non può montare i motori più potenti: è previsto solo il 3.0 biturbo con 385, 450 e 480 cavalli. Tutto è relativo, comunque: anche se perdono qualche decimo nello "0-100", le Porsche 911 Targa restano auto entusiasmanti per gli appassionati, che si gustano ogni sfumatura del "canto" dei generosi sei cilindri boxer posti a sbalzo dietro l'asse posteriore, il rapidissimo cambio robotizzato a doppia frizione e la grande precisione di guida, accompagnata da un comfort che, volendo, consente un uso intenso e quotidiano. La particolare forma della carrozzeria, però, suggerisce di tenere la capote aperta solo a bassa velocità: l'aria tende a incunearsi all'interno del lunotto, causando vortici evidenti. 

Versione consigliata

Se cedete all'eleganza senza tempo della Targa, vuol dire che non puntate a battere i record sul giro dei principali autodromi: per questo, ci sono 911 più attrezzate. E allora, non è necessario esagerare con la potenza. Già una Targa 4 da 385 cavalli saprà regalare tante soddisfazioni fin dal momento dell'ordine, quando potrete passare dei giorni nella scelta degli optional, dei rivestimenti e degli abbinamenti di colore.       

Perché sì

Cambio Il robotizzato a doppia frizione è rapidissimo ma non brusco; e in modalità automatica, persino in pista innesta sempre la marcia corretta.
Sterzo Quello che agisce anche sulle ruote posteriori aumenta agilità e stabilità e ha una risposta naturale.
Versatilità Specialmente con gli optional "giusti", la 911 è a suo agio nel traffico come in circuito.

Perché no

Fruscii a capote aperta Da media velocità, i vortici sono molto evidenti.
Ricarica wireless Non è stato trovato un modo di integrarla a bordo: nel vano fra i sedili sarebbe stata troppo vicino al cambio, che scalda, e nella plancia non c'è posto.
Visibilità del cruscotto I due monitor ai lati del contagiri richiamano gli strumenti delle 911 d’epoca, ma sono in parte coperti dalla corona del volante.

Porsche 911 Targa
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
1
0
0
0
0
VOTO MEDIO
5,0
5
1

Photogallery