Kia

Kia
Sorento

da 44.500

Lungh./Largh./Alt.

481/190/170 cm

Numero posti

7

Bagagliaio

175-179/1988-1996 litri

Garanzia (anni/km)

7/150.000

In sintesi

La grande suv a sette posti Kia Sorento, realizzata sulla piattaforma N3 usata per le auto di questo tipo dal gruppo coreano Hyundai-Kia, ha linee muscolose e a tratti squadrate che la rendono imponente. Il frontale, con i fari sottili inseriti nella classica mascherina a “naso di tigre”, è alto, il cofano quasi piatto e il paraurti, elaborato nella forma, appare massiccio. Possente anche la parte posteriore, con i fanali verticali sdoppiati e il grosso portellone “scolpito”, mentre le fiancate sono spezzate da una piccola “pinna” che, uscendo dalla linea alla base dei finestrini, dà un tocco di personalità. L’abitacolo è ampio e luminoso, anche nella seconda fila dove, arretrando i sedili (che scorrono singolarmente), si ottiene parecchio spazio per le gambe dei passeggeri posteriori. I due posti a scomparsa nel baule (dotati ciascuno di bocchetta dell’aria e di presa Usb) sono larghi, ma hanno la seduta bassa. La plancia, massiccia nell’aspetto, è realizzata con materiali di qualità e plastiche morbide nella zona superiore. Di pregio il cruscotto digitale di 12,3”, affiancato dal display di 10,3” del reattivo e ricco sistema multimediale. Nella consolle troneggia la grande manopola del selettore del cambio e quella con cui si gestiscono le modalità di guida e del Terrain Mode (inedito), per migliorare la trazione su fango, neve e sabbia. Non molto agile negli spazi stretti e nei percorsi tortuosi, la Kia Sorento è una vettura molto confortevole, grazie alle sospensioni efficienti e alla bassa rumorosità meccanica e aerodinamica. Due le versioni, entrambe ibride: la HEV full hybrid da 230 CV combinati (a due e a quattro ruote motrici) col 1.6 turbo da 180 CV, abbinato a un’unità elettrica da 60 e con una batteria di 1,49 kWh; e la PHEV plug-in da 265 CV (solo 4x4 AWD) col 1.6 da 180 CV, un motore elettrico da 91 CV e una batteria da 13,8 kWh. Il cambio è solo automatico a sei marce (dolce ma un po’ lento). Ampio il bagagliaio (a patto di non viaggiare in sette), anche perché la “pila” del sistema ibrido è sotto la poltrona del passeggero anteriore.

Versione consigliata

La Kia Sorento nella versione Business a trazione anteriore offre un buon rapporto tra il prezzo e la dotazione, che prevede sette airbag (incluso quello tra le due poltrone anteriori, per mitigare l’impatto tra le teste del guidatore e del passeggero in caso di urto laterale), il “clima” bizona, il cruise control adattativo e il controllo della velocità in discesa. Con la Style si fa un bel passo avanti, con i fari full led, gli interni in pelle, il monitoraggio dell’angolo cieco, il navigatore e il portellone elettrico. La 1.6 T-GDi HEV va bene e fa risparmiare parecchio. Chi sceglie la PHEV deve poter ricaricare spesso la batteria, altrimenti perde ogni vantaggio dell’efficiente, ma costosa, tecnologia ibrida plug-in.

Perché sì

Abitabilità Nelle due poltrone anteriori e in quelle della seconda fila ci si sente come in un salotto. E ci sono pure due posti supplementari nel baule.

Comfort Ben insonorizzata, l’auto ha sedili accoglienti e comodi e può contare su sospensioni che assorbono con efficacia le sconnessioni della strada.

Dotazione Di serie o a pagamento ci sono i più moderni sistemi elettronici di ausilio alla guida, tra cui l’innovativo monitoraggio dell’angolo cieco con visualizzazione delle immagini nel cruscotto.

Perché no

Agilità In città la suv coreana è penalizzata dalle dimensioni importanti, e nelle strade ricche di curve il suo peso si fa sentire.

Cambio L’automatico è dolce nei passaggi di marcia, ma un po’ lento quando si ha fretta, anche inserendo la modalità Sport e usandolo in manuale.

Personalizzazione L’elenco degli optional è ridotto al minimo.

Kia Sorento
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
23
17
20
25
43
VOTO MEDIO
2,6
2.625
128

Photogallery