McLaren

Se la storia in pista della scuderia fondata dal neozelandese Bruce McLaren è nota (e parla, a partire dal 1966, di 8 Mondiali Costruttori e di 12 titoli piloti in Formula 1, oltre a 182 vittorie nei singoli GP), risulta degna di menzione anche l'appendice dedicata alle auto stradali. Che, numericamente, non sono mai state molte, ma hanno costituito veri e propri oggetti di culto (e di sogno) per gli appassionati. La prima risale al 1969 ed è la versione stradale della M6A, dominatrice del campionato Can-Am del 1967: ha una monoscocca in pannelli di alluminio e acciaio, mentre la carrozzeria è in fibra di vetro. Il motore è un 5.7 V8 di provenienza Chevrolet; sono solo due gli esemplari targati, uno dei quali usato come auto personale da Bruce McLaren stesso. 
 
Dopo più di vent'anni di oblio, nel 1992 viene presentata la McLaren F1: è una delle supercar più famose di tutti i tempi, la prima con scocca in fibra di carbonio. Il progetto è di Gordon Murray, guru della Formula 1, e la commercializzazione parte nel 1994. In abitacolo, i posti sono tre, con il guidatore al centro: la soluzione è scelta per migliorare la distribuzione dei pesi. Il motore è un V12 di origine BMW da 6,1 litri: con i suoi 627 CV è l'aspirato più potente mai installato su una vettura di serie (pur se limitata: gli esemplari stradali sono poco più di 60). La F1 viene costruita fino al 1998.
 
Il ritorno nel campo delle vetture stradali avviene nel 2011 con la MP4-12C (con la C della sigla che sottolinea ancora una volta la costruzione in carbonio dello chassis, poi diventata solo 12C): è la prima McLaren a usare un motore turbo sviluppato dalla società di ingegneria inglese Ricardo. Rivista nel 2013, viene in seguito sostituita dalla 650S, disponibile in versione coupé o spider. Al vertice della gamma c'è la P1, forte di un sistema di propulsione ibrida da oltre 900 CV, costruita in serie limitata: costa più di 1 milione di euro ed è rivale dichiarata della Ferrari LaFerrari e della Porsche 918 Spyder. Con le più "abbordabili" 540C, 570S e 570GT la casa punta invece a far concorrenza alla Porsche 911: le vetture mantengono il telaio in fibra di carbonio ma hanno barre antirollio convenzionali, al posto di quelle idrauliche ab dei modelli più costosi.

Novità McLaren

Video McLaren

  • McLaren Senna
    Non è un caso che la McLaren Senna sia dedicata al tre volte campione del mondo di formula uno. Si tratta infatti della più “cattiva” biposto stradale mai realizzata dal costruttore inglese. Nelle immagini del video qui sopra la versione da corsa GTR, svelata al Salone di Ginevra.
  • McLaren 720S
    La nuova McLaren 720S è una profonda evoluzione della precedente 650S con una linea filante e sinuosa e un motore 4.0 V8 da 720 CV.
  • McLaren 675LT
    Basta un’occhiata per capire di che pasta è fatta. Sotto le forme aggressive, la nuova McLaren 675LT cela un impressionante V8 biturbo da 675 cavalli.
  • McLaren 650S
    È a tutti gli effetti un restyling della 12C rispetto alla quale non ci sono solo interventi estetici, ma anche alla meccanica.
  • La McLaren P1 al Ring
    La casa inglese non dichiara il tempo sul giro, limitandoci a dire "sotto i 7 minuti", lasciando intendere che non è riuscita a battere i 6 ' e 57" della Porsche 918 Spyder.
  • McLaren P1
    Il video dei test nella Death Valley americana, una delle zone più aride e calde del pianeta, dove le temperature superano tranquillamente i 50°.

Primi contatti McLaren

dagli archivi

  • X-1, una McLaren unica

    È la McLaren realizzata sulla base della 12C, per un anonimo cliente dai gusti speciali, che soprattutto voleva guidare qualcosa più che eccezionale: unico. Lo hanno accontentato.
  • È pronta la McLaren 12C Spider

    La nuova McLaren 12C Spider, versione scoperta della fortunata 12C, promette le stesse prestazioni della coupé. Prime consegne previste per novembre.
  • McLaren 720S: ridefinisce gli standard

    La sostituta della 650S si chiama McLaren 720S: ha un nuovo telaio e un motore 4.0 da 720 CV.