Aston Martin

L'azienda che, per antonomasia, “produce le auto di James Bond”, nasce nel 1913 come concessionaria Bamford & Martin per vetture Singer. A fondarla sono il meccanico Robert Bamford e il pilota Lionel Martin, che si mettono presto in luce per le elaborazioni sportive proprio delle Singer, portate sui campi di gara dallo stesso Martin. Questi vinse cronoscalata Londra-Aston Clinton, da qui il nuovo nome della società: Aston Martin.

Nel 1920 Bamford lascia l’azienda a Martin, che riesce a proseguire l’attività grazie all’aiuto finanziario del nobile franco-polacco Luis Vorov Zborowski. Ma cinque anni più tardi la società in liquidazione viene rilevata da un’altra azienda animata dall’italiano Augusto Cesare Bertelli, che ne prosegue l’attività agonistica.

Dopo vari passaggi di mano nel1947 l’imprenditore David Brown acquista l’Aston Martin, imprimendole una svolta decisiva: orienta la produzione verso le sportive di lusso e di grossa cilindrata. Per tale ragione acquista la Lagonda, che disponeva di un valido 6 cilindri, e stringe accordi con la milanese Touring per utilizzare la celebre struttura tubolare per la carrozzeria in pannelli d’alluminio denominata Superleggera. Da qui, ha inizio la fortunata serie delle gran turismo DB (dalle iniziali di David Brown).

Al 1987 risale l'ingresso della Ford: fino al 2006 l'Aston Martin ne è emanazione di lusso al pari di Jaguar. In questi anni viene realizzata la DB7, un autentico successo commerciale. Nel 2007, in seguito al riassetto finanziario del gruppo americano, il marchio viene acquistato da una cordata di investitori capitanata da David Richards (autore dei successi nei rally della Subaru). L'ultima mossa risale al 2012, quando il fondo Investindustrial della famiglia Bonomi diventa socio di riferimento: ancora una volta gli italiani salvano l’Aston Martin. Nell’impegno per il rilancio del marchio inglese, la nuova proprietà coinvolge la Mercedes-Benz, che a sua volta entra nell’azionariato della casa. Il primo vero frutto del nuovo corso è la DB11.

Novità Aston Martin

Video Aston Martin

  • Aston Martin DBS Superleggera
    Una velocità massima di oltre 335 orari, 0-100 in 3”2 rilevati dai nostri strumenti assieme a una potenza di 725 CV, sono credenziali da brivido che possono vantare pochissime supercar.
  • Lego Aston Martin DB5 James Bond
    La celebre coupé Aston Martin DB5, nota per alcuni film di 007, è stata riprodotta dalla Lego in scala 1:13. Ed ecco Francesco Frangioja, dell'associazione di appassionati di Lego, BrianzaLUG, alle prese con la costruzione. Qui per saperne di più.
  • Aston Martin DB11 AMR
    A due anni dal debutto la DB11 con motore V12 si aggiorna con più potenza e varie altre migliorie estetiche e funzionali. Qui per saperne di più.
  • Aston Martin Vanquish 2014
    Nuovo cambio a otto rapporti e modifiche di dettaglio al motore per la più sportiva delle Aston con il suo V12 aspirato da 576 CV.
  • Aston Martin Vanquish Volante
    Versione scoperta del modello di punta della casa inglese: resta intatto il mix di eleganza, classe e grinta della Aston Martin Vanquish coupé. 
  • L'Aston Martin festeggia 100 anni
    La spettacolare cerimonia dei 100 anni della casa si svolge a Dubai dove una Vanquish è stata portata sul tetto del Burj Al Arab.  

Primi contatti Aston Martin

dagli archivi

  • Svelata l'erede dell'Aston Martin DBS

    Al Concorso d'Eleganza di Villa d'Este, l'Aston Martin ha presentato una concept che anticipa il nuovo modello. Intanto, i prototipi stanno ultimando la messa a punto sul circuito del Nürburgring.
  • Aston Martin Valkyrie: ecco la versione definitiva

    L’Aston Martin svela la Valkyrie, una vera Formula 1 per la strada in soli 150 esemplari da 2,7 milioni l'uno.
  • L'Aston Martin One-77 è sempre più vicina al lancio

    Questa One-77 rappresenta un nuovo corso per l'Aston Martin: ha un nuovo stile più aggressivo e un motore V12 da oltre 700 cavalli. Durante gli ultimi test ha superato i 350 km/h di velocità massima.