Aston Martin

L'azienda che, per antonomasia, “produce le auto di James Bond”, nasce nel 1913 come concessionaria Bamford & Martin per vetture Singer. A fondarla sono il meccanico Robert Bamford e il pilota Lionel Martin, che si mettono presto in luce per le elaborazioni sportive proprio delle Singer, portate sui campi di gara dallo stesso Martin. Questi vinse cronoscalata Londra-Aston Clinton, da qui il nuovo nome della società: Aston Martin.

Nel 1920 Bamford lascia l’azienda a Martin, che riesce a proseguire l’attività grazie all’aiuto finanziario del nobile franco-polacco Luis Vorov Zborowski. Ma cinque anni più tardi la società in liquidazione viene rilevata da un’altra azienda animata dall’italiano Augusto Cesare Bertelli, che ne prosegue l’attività agonistica.

Dopo vari passaggi di mano nel1947 l’imprenditore David Brown acquista l’Aston Martin, imprimendole una svolta decisiva: orienta la produzione verso le sportive di lusso e di grossa cilindrata. Per tale ragione acquista la Lagonda, che disponeva di un valido 6 cilindri, e stringe accordi con la milanese Touring per utilizzare la celebre struttura tubolare per la carrozzeria in pannelli d’alluminio denominata Superleggera. Da qui, ha inizio la fortunata serie delle gran turismo DB (dalle iniziali di David Brown).

Al 1987 risale l'ingresso della Ford: fino al 2006 l'Aston Martin ne è emanazione di lusso al pari di Jaguar. In questi anni viene realizzata la DB7, un autentico successo commerciale. Nel 2007, in seguito al riassetto finanziario del gruppo americano, il marchio viene acquistato da una cordata di investitori capitanata da David Richards (autore dei successi nei rally della Subaru). Nel 2012, è il fondo Investindustrial della famiglia Bonomi a diventare socio di riferimento: ancora una volta gli italiani salvano l’Aston Martin. Nell’impegno per il rilancio del marchio inglese, la nuova proprietà coinvolge la Mercedes-Benz, che a sua volta entra nell’azionariato della casa. Il primo vero frutto del nuovo corso è la DB11 del 2016, ma non basta: nel secondo decennio degli anni 2000, i bilanci restano quasi sempre in rosso.

La casa decide comunque di studiare e lanciare la prima suv del marchio, la DBX, che viene prodotta in un nuovo stabilimento gallese appositamente realizzato. Nel 2020, poi, arriva il riassetto societario: il miliardario canadese Lawrence Stroll, padre del pilota di F1 Lance e grande appassionato, insieme ad altri imprenditori (incluso Toto Wolff, il numero uno di Mercedes-AMG Petronas Motorsport) acquistano il 25% della casa britannica, portando 500 milioni di sterline nelle casse dell'azienda. Bonomi esce definitivamente, vendendo le sue quote, a fine 2020. Nel 2018, Stroll aveva acquisito la scuderia di F1 Force India nel 2018; nel 2021, la rinomina Aston Martin.

Novità Aston Martin

  • L’Aston Martin Vantage è ancora più cattiva

    La piccola di casa Aston Martin si aggiorna con un significativo aumento di potenza, accompagnato da importanti modifiche all’assetto. Uno stile più muscoloso e interni lussuosi completano l’upgrade della Vantage.
  • L’Aston Martin Valhalla è quasi pronta

    L’hypercar con la tecnologia della Formula 1 entrerà in produzione nel 2024. Con una potenza di 1.000 CV erogata da un V8 ibrido andrà a sfidare la Ferrari SF90.
  • L’Aston Martin DB12 ora è anche Volante

    Versione scoperta della coupé, con la quale condivide le caratteristiche principali, l’elegante cabrio DB12 Volante garantisce altissime prestazioni con il vento tra i capelli.
  • Aston Martin Valour: omaggio agli Anni 70

    Ispirata all'iconica V8 Vantage del 1977, che contribuì a rilanciare l'Aston Martin, è un’edizione limitata per celebrare i 110 anni della casa inglese.
  • Presente e futuro dell’Aston Martin

    Motori Honda in F1 (e Mercedes sulle auto di serie), la nuova DB12 e il rafforzamento del marchio in Italia. Ecco i temi della chiacchierata con Renato Bisignani, responsabile marketing e comunicazione della casa britannica
  • Aston Martin DB12: addio al V12

    La nuova Aston Martin DB12 raccoglie l’eredità della DB11 facendosi molto più sportiva e tecnologica. Sotto il cofano un V8 4.0 da 680 CV e all’interno un sistema multimediale proprietario del tutto inedito.
  • Perché l’Aston Martin non farà la Vanquish V6

    Ecco i motivi per cui, nel piano di rilancio della casa di Gaydon, non c’è spazio per una “baby” supercar anti-Ferrari 296 GTB. Ma la Geely ci crede e aumenta la sua quota al 17%.
  • Aston Martin DB12: manca poco al debutto

    Il 24 maggio debutta l’Aston Martin DB12, una DB11 con tante modifiche estetiche e tecnologiche che dovrebbero mantenerla al passo delle rivali.
  • L'Aston Martin Valhalla lancia la sfida a Ferrari e Lamborghini

    Ibrida con tre motori elettrici e un V8 di origine AMG, per una potenza complessiva di 1.000 CV, la Valhalla è la prima hypercar di serie, a motore centrale, dell'Aston Martin. Arriverà all’inizio del 2025.

Video Aston Martin

  • Aston Martin DB12
    La nuova Aston Martin DB12 raccoglie l’eredità della DB11 facendosi molto più sportiva e tecnologica. Sotto il cofano un V8 4.0 da 680 CV e all’interno un sistema multimediale proprietario del tutto inedito. Qui per saperne di più.
  • Aston Martin DBS Superleggera
    Una velocità massima di oltre 335 orari, 0-100 in 3”2 rilevati dai nostri strumenti assieme a una potenza di 725 CV, sono credenziali da brivido che possono vantare pochissime supercar.
  • Lego Aston Martin DB5 James Bond
    La celebre coupé Aston Martin DB5, nota per alcuni film di 007, è stata riprodotta dalla Lego in scala 1:13. Ed ecco Francesco Frangioja, dell'associazione di appassionati di Lego, BrianzaLUG, alle prese con la costruzione. Qui per saperne di più.

Primi contatti Aston Martin

dagli archivi

  • Aston Martin, come cambia la Rapide

    A tre anni dal lancio, per la superberlina britannica arrivano qualche intervento di dettaglio al muso e alla coda e una versione più sportiva: debutto, probabilmente, al Salone di Parigi di settembre.
  • Aston Martin Vantage: torna la V12

    L’Aston Martin conferma che nel 2022 la “piccola” Vantage sarà disponibile anche con il V12 biturbo, che avrà circa 600 CV.
  • Black e Wihite, serie limitate per l'Aston Martin Cygnet

    Per celebrare l'avvio della produzione della citycar derivata dalla Toyota iQ sono nate queste due versioni che, nel nome, richiamano il colore della carrozzeria e degli interni. Riccamente rifinite ed equipaggiate hanno prezzi da circa 38.000 euro.