Mercedes

Mercedes
GLE

da 60.820

Lungh./Largh./Alt.

482/194/180 cm

Numero posti

5

Bagagliaio

690/2.010 litri

Garanzia (anni/km)

2/illimitati
In sintesi

La Mercedes GLE è, di fatto, la già nota ML, aggiornata nella meccanica, nella dotazione tecnologica e, in misura marginale, pure nel design del frontale (con nuovi fari che possono essere a led adattativi), del cofano e della coda (dove si notano i terminali di scarico integrati nello scudo). Rinfrescato anche l’abitacolo, che si conferma impeccabile per finiture e materiali e sfoggia il tocco tecnologico del nuovo display di 8” parzialmente a sbalzo nella consolle (serve il sistema multimediale, con navigatore Command Online di serie tranne che nella Executive). Lo spazio a disposizione dei passeggeri è adeguato ai 482 cm di lunghezza della vettura, e il bagagliaio, con i suoi 690/2010 litri di capacità (480/1800 nel caso della ibrida 500e) fa invidia a quello di una grande famigliare (ma il portellone elettrico si paga a parte). Lo sterzo ad assistenza e demoltiplicazione variabili, assieme alle sospensioni pneumatiche attive (di serie per gli allestimenti superiori), rendono questa suv sorprendentemente agile in rapporto agli oltre 2000 kg di massa; inappuntabile anche il comfort. Il motore d’accesso è il 2.1 a gasolio della 250 d (204 CV), l’unico disponibile anche con trazione posteriore anziché integrale 4Matic; l’alternativa è il 3.0 della 350 d (258 CV). Le prestazioni della Mercedes GLE crescono passando alle versioni a benzina 400 (3.0 da 333 CV), 500 (4.7 da 435 CV) e AMG 63 (557 CV la standard, 585 la 63S). Il 3.0 a benzina abbinato a un motore elettrico equipaggia anche la ibrida plug-in 500e da 442 CV combinati, che si ricarica anche alla spina e può marciare in modalità solo elettrica fino a 130 km/h. Il cambio è automatico a 9 marce per le diesel e a 7 marce per le altre.

 

Versione consigliata

La 250 d “non 4Matic” per risparmiare all’acquisto e nei costi di gestione, la 350 d per avere il miglior compromesso fra prestazioni e consumi, con anche i vantaggi della trazione integrale. Chi vuole grinta da sportiva dalla Mercedes GLE nel rispetto dell’ambiente scelga la ibrida 500e, che è veloce quanto la 500 “normale” ma consuma meno e non paga il bollo sui 116 CV forniti dal motore elettrico; ricordiamo, però, che questa versione (come la 63 e la 250 d a trazione posteriore) non può essere equipaggiata con il pacchetto Off road, che offre anche modalità di guida per terreni difficili. Lunga e articolata la lista degli optional, che per le GLE più potenti contempla anche il sistema di compensazione del rollio Active Curve System (di serie per le 63) che migliora al tempo stesso il comfort e la guidabilità.

 

Perché sì

Sicurezza La dotazione prevede l’avviso anti-colpo di sonno e il monitoraggio della distanza di sicurezza, e può essere integrata con gli ausili alla guida di ultima generazione (di serie negli allestimenti top).

Qualità stradali Nelle modalità di guida più sportive (il selettore modifica la risposta di motore, cambio, sospensioni e servosterzo) la GLE è più agile di quanto si possa immaginare.

Finiture Gli interni sono di lusso, realizzati con materiali di qualità e curati in ogni dettaglio.

Comfort Si viaggia in un ambiente ovattato; fra gli optional, anche le poltrone massaggianti.

 

Perché no

Visibilità posteriore Il lunotto è piccolo e i montanti sono ingombranti: per fortuna, nei parcheggi si può contare sul Parktronic con sensori anche davanti (di serie).

Sette posti A differenza di quanto offrono alcune rivali, la GLE non può avere i due posti aggiuntivi in terza fila.

Airbag L’interruttore per disattivare quello del passeggero si paga a parte (tranne che nella 63) come, pure, i “cuscini” laterali posteriori.

“Botola” nel divano Il bracciolo posteriore con apertura passante per gli sci, in una suv, dovrebbe essere di serie, e invece è a pagamento.

 

Mercedes GLE
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
23
23
19
9
16
VOTO MEDIO
3,3
3.31111
90
Photogallery